If you think the revolution is still en vogue in Cairo, you’d better read this. A recent Poll from the U.S.-based Pew Research Centre says that 90% of the Egyptian still support the head of the Armed Forces and Mubarak’s former Interior MInister Hussein Tantawi. On the other hand, 6 of April and other revolutionary movements ask the military to step down, and let the revolution be pure and complete.

Is the revolution really losing ground?

read on Bikyamasr

There is not much to do in Midan Tahrir for the revolution, now less than ever. This is what most of the Egyptian opposition forces seem to realise in these dramatic days of chaotic protests. The Midan falling back into some kind of surreal ‘normality’ is certainly not the result of the Army’s violent, ruthless comeback, neither of a loss of revolutionary fervour by the forces of the opposition. It is a sign, hopefully of change.

This morning, soldiers and volunteers in Downtown Cairo were planting flowers in the Midan and painting walls and pavements in white and black, as if covering the written signs of a country in uprising would make people forget about how much they have achieved so far. On Saturday, two desperate parents wandered crying around Tahrir for hours, showing people a bloodstained piece of carton carrying the dimm el-shaheed, the blood of their martyred son killed in the Midan on Friday, while the Army was reportedly shooting in the air in order to frighten what they still want people to think was only a small group of violent dawdlers. Will I ever forget those crying faces?



read more on The Frontline Club

“There are three different kinds of people,” told me Sharif, one of the shebab temporarily opposing protests in Tahrir. “There are people who work for the revolution, people who work against the revolution, and people who sit at home, watching television and believing whatever the news says.” One of the Army’s strongest points lies in the power of a dialectic, enforced by media still subjugated by a corrupted political system, aiming to divide those in favour of the revolution, keeping them at home and turning them into sceptical observers from afar. They say the people in Tahrir are baltageya, violents by profession whose job is to throw the country into anarchy and chaos, occasionally selling hashish during breaks.

The baltageya is indeed an actor on stage, but is a double edged one. Even two inveterate supporters of the baltageya like Hosni Mubarak and former Interior Minister Habib el-Adly committed their last, fatal mistake by ordering the opening of state prisons on January 28. The sight of “pro-Mubarak” supporters riding camels and storming into the crowd to beat peaceful demonstrators made protesters squeeze up. Even those who already made up their minds and wanted to allow Mubarak to stay until September elections, suddenly found themselves shouting for his ouster. Almost three months after those events, the baltageya‘s double-edginess is still a highly destabilising factor in the country, fully exploited by those reactionary forces willing to thwart the country’s path towards political normalisation.

But this is not enough. As a small number of Army officials joined demonstrators and refused to take off their uniforms last Friday, many protesters smelled a rat. This intrusion disclosed a glaring sign of division within the Army, but at the same time it legitimised the intervention of security forces. After seeing them shooting in the crowd and clearing out the Midan, many protesters still fool themselves into thinking that the Army is the people’s only guardian, and that those who cleared out Tahrir were violents paid by Mubarak’s personal friend and business Ibrahim Kamel. Even in this case then, where was the Army when the people needed protection? Egyptians have to realise that the time – if there was ever one – when the people and the Army were iid wahda (one hand) are now definitely over, and handing over power to a civil presidential council is the only solution for the time being.

The escalation of violence reached by the events is a sign that the Army’s divide and rule agenda is being successfully put forward. This urged the oppositions to wisely call for a suspension of demonstrations, and for the cancellation of Friday’s milioneya, the march of the million calling for the Supreme Council of Armed Forces (SCAF) to step down. This does not mean that revolutionary forces are satisfied with the Mubaraks’ or Kamel’s – fake – prosecution. “Our revolution is not against Mubarak,” reminded me one of the activists involved in the movement for the ‘Protection of the Revolution’. “Our protests aim at a reversal of the 1952 coup d’état and the institution of a civil Presidential council”. INdeed, Field Marshall Mohammed Hussein Tantawi is a military, like Mohammed Naguib, Gamal Abdel Naser, Anwar Sadat and Hosni Mubarak before him.

When I asked an Egyptian friend for a definition of the baltageya, he told me “a baltagy is either someone, who pushes you to do something you do not want to do or someone, who prevents you from doing what you want to do.” Suspending protests this Friday means avoiding that open – and suicidal – confrontation the Army has been looking for since they mingled with those violent enemies of the people’s rightful demands. The revolution has been played out in many other fields, but Midan Tahrir still remains the battleground for the protesters’ main political demands. Celebrating a new Friday of protests with an empty Midan Tahrir amounts to an important step towards the realisation of the revolutionary agenda, and shows that the revolution is gaining ground on, and understanding of an increasingly chaotic panorama, remaining loyal at the same time to its peaceful character and refusing to bow heads in front of the SCAF’s cosmetic adjustments.

Egyptian Army resorted to unprecedented security measures by deploying Special Unit 777 to clear out Midan Tahrir and seize demonstrators on Friday and Tuesday. The crowd of protesters welcomed Special Unit 777 with contrasting moods. A group of protesters clapped hands while others sought confrontation and shouted anti-Mubarak slogans addressing the former President as a “dictator” and asking for his prosecution.

These utterly ambiguous moments mirror a wider, chaotic political panorama.

Unit 777 also known as Task Force 777 is an Egyptian military counter-terrorism and special operations unit created in 1977 by the government of Anwar Sadat in response to concerns of increased terrorist activity following the expulsion of Soviet military advisors from the country by Sadat and his efforts to achieve peace with Israel.

Initial training for the team came from the U.S. as far back as 1981. Yet, the Unit’s insufficient equipment, lack of operational readiness and heavy rotations of operators in and out of the unit turned it into the “most bungled and tragic counterterrorist squad” on record.

Today, Unit 777 (in Arabic “Wehdat 777 Qataal”) consists of 250-300 men falling under the command of the Army Commando. Both of them are based in Cairo and trained with the help of German Bundespolizei GSG-9, French Police squad GIGN and American Delta Force.

see more on specialoperations

The task force 777 was deployed in very few occasions, and its misconduct often resulted into astonishing and dramatic failures.

When dispatched to Cyprus in response to the hijacking of a Cyprus Air passenger aircraft, Egyptian authorities failed to communicate Cyprus the deployment of the taskforce. Their sudden appearance on the aircraft resulted in a clamorous misunderstanding. Cyprotic security forces mistook the Unit 777 for a terrorist squad and opened fire on them, killing at least 15 Egyptian soldier.

They were subsequently deployed in Malta to deal with the hijacking of Egypt Air Boeing 737 in 1985. A series of misconducts resulted in the accidental killing of 55 out of the 86 passengers of the aircraft.

read more on wikipedia

3am on Saturday morning Tahrir Square was cleared up by the Egyptian Army, again.

They shot at the crowd and killed at least two, wounding 70. The apparent reason for this, 15 officers left their ranks and joined demonstrators in open defiance of their superiors. “If they want to execute us for desertion, they have to come and do it here, in front of the whole World,” said one of the officers addressing demonstrators in Tahrir. A crowd of hundreds had joined hands, creating a human wall to protect the officers from the Army’s crackdown. Others thought there was something more than that, and if protesters did not protect the officers, people would not have died.

Amidst all this, a protester tells us his truth about those heated moments.

Overlooking the famous facebook flat

Resting revolutionary limbs: again from the facebook flat

Let's take home the revolution

Let's take home the revolution

more pics on bikyamasr.com

Per la prima volta dalla caduta dell’ex Presidente Hosni Mubarak, 60 milioni di Egiziani sono stati chiamati ad esercitare il loro diritto di voto, dovendo decidere se modificare la vecchia costituzione del 1971 oppure optare per una nuova stesura. Fin dalle 8 di questa mattina, lunghe file di donne e uomini sono comparse davanti alle stazioni elettorali, facendo registrare un’affluenza senza precedenti. La fiducia nel Consiglio Supremo delle Forze Armate (CSFA) è alta, e sono molti a confidare che il CSFA si farà garante del risultato del referendum e di un corretto svolgimento dello scrutinio.

L’oggetto della contesa sono 9 emendamenti ad altrettanti articoli della costituzione, preparati in fretta e furia da un consiglio di militari, e resi ufficialmente pubblici soltanto alla vigilia dello scrutinio dei voti. La maggior parte degli articoli riguarda modificazioni alla carica del Presidente (la cui durata sarebbe limitata a due mandati di 4 anni ciascuno) e l’istituzione di un consiglio costituzionale che ne limiti i poteri, finora ufficialmente illimitati. Il terzo punto più discusso riguarda la restrizione dei criteri di elezione alla Presidenza della Repubblica ai soli cittadini Egiziani titolari di una sola cittadinanza, non sposati con individui di altra nazionalità.

La maggior parte dei partiti di opposizione e della società civile si è mobilitata per il ‘no’. Il candidato alla presidenza Mohammed el Baradei, ha dichiarato questa mattina che accettare gli emendamenti rinunciando ad una nuova stesura della costituzione e’ un “insulto alla rivoluzione”. Il Premio Nobel per la Pace sostiene infatti che gli emendamenti proposti dal CSFA in realtà “non limitano il potere praticamente assoluto del Presidente e non garantiscono la creazione di una nuova costituente indipendente che rappresenti tutta la popolazione”. Dello stesso parere risulta Amr Moussa, Segretario Generale della Lega Araba, altro potenziale candidato alla Presidenza insieme ai maggiori partiti di opposizione, secondo i quali la stesura di una Costituzione provvisoria sarebbe la soluzione migliore per traghettare il paese fino alle elezioni di Settembre.

Sul fronte del ‘sì’ si sono schierati i rappresentanti dell’ex Partito Democratico di Gamal Mubarak, figlio dell’ex Presidente Hosni, insieme ai temuti Fratelli Musulmani. Nel tentativo di convincere i molti indecisi, alcuni Imam del Cairo hanno indirizzato i loro sermoni del Venerdì contro gli oppositori degli emendamenti, dichiarando che votare ‘sì’ è un dovere religioso per ogni musulmano d’Egitto. Un successo del ‘sì’ porterebbe alle elezioni parlamentari in Settembre, dove i Fratelli Musulmani si presenterebbero come l’unica forza sufficientemente organizzata da mobilitare centinaia di migliaia di voti, nonostante il bando del 1954 abbia vietato all’organizzazione ogni forma di attività politica.

La vera novità di questo primo referendum post-Rivoluzionario è l’entusiasmo che ha infiammato il dibattito pubblico nei giorni precedenti la votazione. Attivisti di ogni fronte hanno accompagnato la discussione degli emendamenti fino all’entrata delle cabine elettorali, dove non si sono registrati scontri violenti ma una vera e propria battaglia di opinioni all’ultimo minuto. Mentre ad Alessandria sono stati Copti ed Islamisti a contendersi i voti, nei quartieri popolari del Cairo la vecchia guardia del Partito Nazionale Democratico si è dovuta scontrare con l’opposta coalizione, capitanata dai movimenti giovanili che ieri sera per le strade del Cairo spiegavano ai passanti le ragioni del ‘no’ agli emendamenti.

“Accettare solo la modifica della costituzione vuol dire continuare il regime di Mubarak” ci ha dichiarato un’attivista della coalizione dei giovani, venuta alla stazione elettorale di Downtown Cairo per controllare il regolare svolgimento dello scrutinio. “Se vince il sì, domani saremo di nuovo tutti in piazza” alzando il braccio a indicare la vicina piazza Tahrir, dove ogni Venerdì dall’inizio della rivoluzione folle di oppositori del vecchio governo continuano a radunarsi. Mentre nelle zone urbane sembra prevalere il ‘no’, l’esito dello scrutinio nelle altre province è ancora del tutto incerto. Dopo soli due mesi dalla rivolta popolare che ha spodestato il regime di Hosni Mubarak, l’Egitto rischia ora di perdere molto del terreno guadagnato in vista di un tanto invocato, radicale cambiamento.

©

Nonostante lo sgombero violento di Martedi scorso, centinaia di manifestanti pacifici si sono riuniti a Midan Tahrir per il settimo venerdi di preghiera e protesta dall’inizio della Rivoluzione.

….

….

….

….

….

Cairo – Nella sua prima conferenza stampa da Ministro dll’Economia del nuovo governo Egiziano ad Interim, Samir Radwan ha dichiarato che il Ministero sta lavorando ad una roadmap per migliorare le condizioni di lavoro in Egitto. Nel tentativo di smentire il pessimismo che in campo economico ha segnato il primo periodo post-rivoluzionario, Radwan ha dichiarato che l’economia Egiziana non ha collassato perché grazie alla varietà della sue maggiori produzioni. L’esperta di turismo del STR Global Elizabeth Randall, ha infatti fatto sapere che l’industria Egiziana del Turismo ha registrato un calo generale del 20% e si riprenderà soltanto nel caso in cui la situazione politica garantisca una maggiore stabilità.

Ma anche ammettendo che gli indicatori macroeconomici non sono per nulla soddisfacenti, il Ministro dell’Economia ha ricordato che lo scopo dell’economia Egiziana in futuro sarà quello di ottenere un maggior livello di giustizia sociale. Nonostante l’ammontare del deficit accumulato nell’anno fiscale 2010/2011 era previsto per il 7.9% del PIL, nuove stime lo danno all’8.5. Discutendone con Lord Stephen Green del Ministero dell’Economia Britannico, Radwan ha sostenuto che l’Egitto si aspetta almeno la cancellazione degli interessi sul debito da parte dell’UE. Nel frattempo, i rifornimenti di grano, olio e farina sono stati assicurati per i prossimi mesi e la borsa riaprirà il 28 Marzo.

Sbloccare lo stallo

Durante la conferenza stampa, il Ministro Radwan ha dato il benvenuto a Juan Somavia, Direttore Generale dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), sottolineando l’importanza ed lodando il tempismo della sua visita. Il ministro ha annunciato che la roadmap per la ripresa economica sarà redatta intorno a tre punti principali. Come prima cosa, Il ministero si impegnerà ad incrementare i salari minimi, concedendo una delle richieste più importanti portate avanti dalla coalizione dei Giovani che ha contribuito allo scatenarsi degli eventi terminati con le dimissioni dell’ex presidente Mubarak. Il salario minimo in Egitto equivaleva nel 2010 a 400 puond Egiziani, ovvero €50 mensili.

Il Ministero ha previsto che il piano di incremento dei salari costerà al governo LE750 milioni (€100 milioni). Il secondo punto prevede una guerra alla disoccupazione, e la creazione da parte del governo di 650.00 posti di lavoro per nuovi laureati. Il Ministro dell’Immigrazione el-Boraei ha fatto sapere che discuterà dell’opportunità di ridurre il numero di permessi lavorativi forniti agli stranieri. ‘Dando priorità agli Egiziani’, sostiene il Ministro, ‘si creeranno più opportunità per i nostri connazionali’. Si calcola che la disoccupazione in Egitto si aggirasse intorno al 9.6% nel 2010. Ciononostante, mancano del tutto i dati riguardanti l’occupazione nel sommerso e informazioni sulle condizioni di lavoro in Egitto sono insufficienti.

Il terzo punto della strategia riguarda la costruzione di una valle parallela a quella del Nilo che, contando sull’esistenza di una reticolo di falde acquifere, potrà creare nuove aree coltivabili ed attirare migliaia di lavoratori. Su quest’ultimo punto però, già l’ultimo governo aveva incontrato una forte opposizione da parte di Organizzazioni non governative ed organi della società civile. Piani di sviluppare aree desertiche in nuove zone coltivabili sono difficilmente sostenibili per il fragile ecosistema locale e soprattutto dovrebbero contare su un’ingente fornitura di acque dal Nilo, la cui portata è recentemente diminuita in seguito alla costruzione dell’enorme ‘Nile Dam’ in Sudan. Proprio ieri, il Primo Ministro Etiope Males Zenawy ha annunciato l’inizio dei lavori per un altra diga in Etiopia. “Il Ministero delle Finanze sta studiando dei modi con cui incentivare l’acquisizione di terreni e licenze da parte di investitori”, ha dichiarato Radwan aggiungendo “L’economia Egiziana ha la stessa potenzialità di emergere, come India e Sudafrica”.

©

Cairo – Il dipartimento di Stato americano ha siglato un accordo da $40 milioni per la vendita di armi a diversa nazioni del Medioriente nel 2009, di cui $101 milioni per la consegna di armamenti all’Egitto.

Anche l’export di armi dall’Unione Europea è salito vertiginosamente nel biennio 2008-2009, registrando un aumento del 69%. Il Regno Unito soltanto ha registrato un traffico di armi per l’Egitto pari a £16.4 milioni nel 2009, rilasciano 81 licenze diversa ad altrettante compagnie private. Anche Algeria, Libia, Marocco e Tunisia hanno beneficiato da questa impennata, per un traffico totale pressoché raddoppiato nel solo 2009, passando da €985 milioni a €2 miliardi.

Secondo il report annuale del MInistero della Difesa Francesse, il traffico di armi per l’Egitto provenienti da compagnie francesi ha prodotto l’ammontare di $322 milioni nel quinquennio 2005-2009. Le licenze comprendevano il taffico di bombe, missili e razzi ma anche veicoli militari, aerei e componenti elettroniche. A differenza del Regno Unito e degli States però, la Francia (e la Germania) ha interrotto le forniture militari al governo Mubarak in Febbraio, in concomitanza con l’inizio degli scontri che hanno portato alle dimissioni dell’ex presidente Hosni Mubarak.

Le compagnie produttrici di armi intrattengono relazioni molto strette con i dipartimenti di stato, esercitando un influenza immensa sulle politiche dei governi. “Questa influenza è la prima ragione per cui fornitori di armi godono di finanziamenti e supporto politico sproporzionati da parte dei proprio governi”, scrive l’organizzazione non-governativa con base a Londra Campaign Against Arms Trade (CAAT).

C’è un fattore importante dietro questo incremento improvviso di traffico di armi: se gli USA decidessero di ridimensionare la loro produzione, chi compra gli armamenti si rivolgerebbe direttamente a Cina e Russia, loro diretti competitori, ha dichiarato Matthew Schroeder a Forbes.

Questa notizia piove un pò sul bagnato in Egitto, dove Mercoledì scorso le forze armate hanno sgomberato i manifestanti radunatisi in piazza Tahrir dal 25 Gennaio con la scusa di evitare che i manifestanti pacifici nascondessero armi nella piazza. I recenti scontri inter-religiosi avvenuti nella capitale rappresentano apparentemente un ulteriore motivo di preoccupazione per le forze armate.

In seguito al saccheggio di diverse centrali della polizia e prigioni durante i 18 giorni di scontri che hanno spinto Hosni Mubarak a rassegnare le dimissioni da Presidente, la proliferazione di armi in Egitto è aumentata considerevolmente, specialmente nei quartieri popolari del Cairo. Lo sgombro di piazza Tahrir è stato perciò ben accolto dai molti egiziani che desiderano tornare alla ‘normalità’ e chiedono che venga rialzato il livello di sicurezza nel paese.

La polizia è pressoché assente dalle strade dal 28 Gennaio.

©

read the article in English on Bikyamasr

Da giorni centinaia di Copti presidiano l’entrata del Ministero delle Telecomunicazioni chiedendo che venga fatta luce sugli scontri inter-religiosi avvenuti Martedì scorso nel distretto di Moqattam. Alcune fonti accusano le forze di sicurezza Egiziane di aver istigato la recente ondata di violenza settaria per mantenere divisa la società civile e ribadire il loro ruolo nel processo di trasizione verso le elezioni di Settembre.

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.